`Find Electronica´

Autore disco:

Fabio Orsi

Etichetta:

A Silent Place (I)

Link:

www.asilentplace.it

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) Find Electronica (Part 1) 2) Find Electronica (Part 2) 3) Find Electronica (Part 3)

Durata:

49:48

Con:

Fabio Orsi

non delude mai // elettronica melodica

x Matteo Uggeri // Andrea Ferraris

“Che hai fatto poi con la mamma, domenica?”, chiedo alla mia fidanzata Gaia, mentre ritorno da un lungo viaggio di lavoro e svago.
“Siamo state molto bene, come sempre, ma siamo rimaste in casa tutto il giorno. Ci siamo rilassate un sacco, abbiamo parlato... Sai, abbiamo ascoltato quel disco che hai lasciato vicino allo stereo...”
“Hmmm... scusa, quale dei venti?”
“Ma sì, quello di Fabio... Fabio qualcosa, il nome di un animale...”
”Fabio Orsi? Quel CD verdino con la copertina di cartone? Però!”
“Sì, non so perché, ci piaceva, lo abbiamo rimesso su tre volte, anche se alla fine ha creato un’atmosfera un po’ cupa, poi sai lei ripartiva ed io ero malinconica...”

Mentre si svolgeva questo dialogo pensavo che avrei dovuto raccontarlo a qualcuno, forse addirittura farne cenno nella recensione. Ebbene, credo dia un’idea della potenzialità della musica di Fabio, di cui su queste pagine abbiamo già molte volte avuto occasione di parlare. Anche quest’ultimo “Find Electronica”, con le sue tre lunghe tracce da quindici minuti ciascuna, sarebbe da inscrivere in quel tutto e niente che è il campo della ‘musica sperimentale’, ma l’enorme pregio di Orsi e della sua fortissima vena melodica (che qui a dispetto del titolo si dipana più che altrove sulle note della chitarra) e saper rendere fruibile e gradevolissima una musica che resta complessa, a tratti difficile, pur sempre sperimentale’.
Difficile eleggere un momento migliore di altri, forsi la chiusura della seconda parte, con le sue note di piano elettrico (le vedo benissimo a fare da sfondo alle chiacchiere tra una madre e la figlia che non si vedono da tempo), oppure il teso drone finale (quello forse potrebbe corrispondere alla istantanea nostalgia del dopo partenza, ma comincio ad esagerare...), ad ogni modo, ancora una volta, Fabio Orsi non delude e ci regala un disco bellissimo, più melodico ancora dei precedenti con il compare Becuzzi/Kinetix (qui al mastering).

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Disco in solo per l'iperattivo Orsi, anche se comunque leggo nelle note che il mixaggio (che in un disco del genere non è comunque una cosa per nulla secondaria) è stato affidato a Gianluca Becuzzi. I fan del droning più morbido dei dischi precedenti di Orsi e di molto materiale che i due hanno firmato in copia possono andare sul sicuro visto che il suono è quello e l'ispirazione non è ancora venuta meno, certo, il rischio è che l'iper-prolificità possa condurre alla ripetizione, ma pare ancora a debita distanza. Trattandosi di un disco affidato in prevalenza ad Orsi la melodia la fa da padrona come pure i suoni analogici, nelle tre tracce omonime di cui si compone il disco i drone vengono trascinati lentamente dentro e fuori dalla scena, ma differentemente da molti musicisti ambientali i sali e scendi non sono alternati stile montagne russe dato che a volte rimangono in sospensione per buona del tempo. Probabilmente ad Orsi piace lasciare a galla una melodia che funziona per farla durare il più possibile di modo da raggiungere il climax e protrarlo fino a quanto è possibile. Utilizzando vecchie tastiere alcune cose del musicista pugliese rimandano inevitabilmente ad alcuni lavori ambientali o simili degli anni '80, se non fosse per qualche piccolo arrangiamento elettronico ad esempio alcuni momenti del secondo dei tre episodi non avrebbe sfigurato nella track-list della splendida colonna sonora di "Birdy" (non a caso affidata a Peter Gabriel). Loop minimali e serie di una o due note alla volta rimangono un dictat di tutto il lavoro, le melodie quindi rimangono molto semplici e volutamente minimali con la doppia utilità di poter essere alternate senza problemi e di venir allungate fino a cucinarne tutto il cucinabile. Per ciò che concerne il lasciare il drone in sospensione fino alle sue estreme conseguenze, la cosa si ripete principalmente nei pezzi di apertura e di chiusura, mentre la seconda traccia alterna maggiormente le melodie risultando la più dinamica (non necessariamente la migliore, solo la più dinamica). La chiusura è lasciata al pezzo più malinconico (atmosfera che comunque si confà a tutto il lavoro), direi quasi depressivo, sugli intenti psichedelici della traccia e più in generale della musica di Orsi ci sono pochi dubbi, tant'è che apertura e chiusura viaggiano tranquillamente attorno ai diciassette minuti. Nonostante i minutaggi e le dichiarate intenzioni minimaliste di Orsi il disco ha l'indubbia qualità di non venire a noia ma di 'favorire il viaggio', tanto che più che di drone si potrebbe parlare tranquillamente di neo-psichedelia.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 20/5/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´