`Il Colombre´

Autore disco:

Madame P

Etichetta:

Setola Di Maiale (I)

Link:

www.myspace.com/madamepi
www.setoladimaiale.net
www.myspace.com/camusi

Formato:

CD-R

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) Oh! My Home! 2) Insonnia Crepuscolare 3) L’Appeso 4) My Favorite Tree 5) Silence 6) May Of Sikh 7) I Believe In Ground 8) Ride For A Dream 9) Today Is Tmorrow 10) Type Three

Durata:

54:58

Con:

Patrizia Oliva

Quando la voce è tutto: gioia, paura, tenerezza, dolore

x sergio eletto

Titolo preso in prestito da un racconto veloce di Dino Buzzati, “Il Colombre” è l’ultima creatura solista di Madame P. Emotivamente, si tratta di un disco carico di suggestioni, di malinconia e di ricordi. Ancora una volta è la fucina creativa del Lab12 (il loft abitato e amato da Patrizia) a balzare alla ribalta come luogo pregno di magia.
L’ex Allun dedica palesemente il lavoro all’esperienza della factory, rievocando nel retro-copertina i quattro anni trascorsi all’insegna del confronto con la ‘crema’ del jet set indipendente, italiano e non. Parallelamente, c’è la fonte originaria del cd che si riallaccia alla lunga improvvisazione avvenuta nell’Orange room del Lab un annetto fa, dove effettistica, loop, inserti volanti di una tastiera immateriale, ergono come dei semplici surplus: accompagnatori di una voce dominante, capace di spaziare ovunque, appagando l’anima con il costante e affilato sguardo volto allo studio dell’improvvisazione. Dopo aver richiamato la giusta attenzione sul contributo che Andrea Marutti reca con trattamenti vari e montaggio audio (per me responsabili di una patina oscura spalmata un po’ ovunque) non resta che svestirsi di tutte le formalità di rito, che il caso imponeva, per succhiare fino al midollo l’anima soul (sì: splendidamente Soul!!!) de “Il Colombre”.
In principio c’è la catarsi, la discesa in una piena autoanalisi: mistici i primi due apri-pista, Oh! My Home! e Insonnia Crepuscolare, che sembrano composti in una felpata notte di luna piena. Da subito gli incastri (lavorati in real time) della voce sotto forma di loop mietono le prime ‘vittime’. In fatto di ingegnosità non si riscontra un difetto nelle (auto) manipolazioni vocali; collegate con il canto sovrastante, magari gentilmente swing e da signora-di-classe come in My favorite Tree, offrono completezza ed una distribuzione degli elementi eroticamente jazz(y) e nebulosa. E’ ovvio che quest’attitudine è percepita raramente in modo vistoso; nella pluralità del tragitto, l’inclinazione della milady per il lato cool dell’improvvisata è ravvisabile, diciamo, mediante piccoli e sublimi ‘scarti’: sbalzi sottopelle di dolcezza armonica che con orgoglio, anche nelle situazioni più sinistre, trova la forza (e soprattutto il giusto momento) per comparire con tutto il suo splendore. Vi sono, poi, spazi dove l’astrazione incontra aliti di contemporanea: la frammentazione de L’Appeso, con il cuore colmo di pathos per la reiterazione-perfetta dei samples vocali.
Quando la geometria della piacevole-imperfezione è prossima alla maniacalità nel programmare l’inserzione di tanti suoni (spunti) dentro un’unica formula. Difficile da spiegare, ma basta sentire il pezzo citato per accorgersene e convenire a pieno con ciò. Madame P prospetta e pone i loop tra loro secondo differenti velocità, che fuse, combinate, alchimizzate marciano come un esercito-di-unità inarrestabile.
Silence è micro wave liquefatta da un canto dispotico ed elettro-distorto; May Of Sikh è oscura paura, un esperienza-superiore dove la trasformazione istantanea della voce, da alta e sinuosa a greve e tantrica, porta a pensare che la nostra qualche nascosta passione per la wave esoterica dei Dead Can Dance (e di Lisa Gerrard in particolare) l’abbia avuta e come nei curiosi fasti adolescenziali; I Believe In Ground è quello che Bjork oggi dovrebbe fare per uscire dallo spettro del mainstream ed essere (mi perdoni) una cantante che osa: medley delineato da sotterranei controtempi elettronici low-d ‘n‘ b – aspri, granulari, all’osso – in supporto ad un canto che corre da tutt’altra parte, incurante di ciò che c’è dietro.
Contrasto evidente, magia lampante.
Ride For a Dream rincasa la dose di ascetismo (ora più spartano e nordico), amplificando così l’attacco successivo, energetico e soul, elaborato in Today Is Tomorrow: vera e propria chicca dalle pulsazioni dancefloor. L’ari(ett)a minimal-magnetica reichiana vissuta nella celestiale chiusura, firmata Type Three, è soltanto il preludio di un ulteriore stacco-finale: un canto educato, perbenista, distratto e virtuoso accompagnato dal fragore, quasi metronomico, cagionato dalla caduta-libera di oggetti, presumibilmente, vetrosi.
Che dire, abbondiamo con le formalità e gridiamo ai quattro venti:
SUBLIME!!!


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 12/10/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´