`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´

Autore disco:

Kikuri // Haino Keiji And Yoshida Tatsuya

Etichetta:

Victo (CDN) // Tzadik (USA)

Link:

www.victo.qc.ca
www.tzadik.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) That Which Will Rise From Death Here Tonight Will Go Hand In Hand With A Glittering Echo Burdened With The Sin Of Joy 2) By Mischance That Soul I Devoured Was A Transparent, Vertical Blues 3) Give Me Back That Colour You Stole From My Guts 4) That Place Into Which You Fell Was Lined With A Cushion Of Pain And Is No Proof Of Your Continuing Existence 5) Pulverized Purple // 1) Ryufoispjekkossd 2) Dhoidvophkjiff 3) Ruhndfhiooak 4) Gheuebhessip 5) Fsjoppofgu 6) Utygghjgpoidpswb 7) Lokskooidgiif 8) Cchjdisoiugpodf 9) Ddbjifpgorkh 10) Eeyddllvioss 11) Oodiffipoawhull 12) Zhuddiposshk 13) Ruhfjidfpokf 14) Thuguigodssphiff 15) Fiuijkdfgpokwom 16) Mkdoijadih

Durata:

69:21 // 50:14

Con:

Haino Keiji, Masami Akita // Haino Keiji, Yoshida Tatsuya

haino & co: i dubbi fugati…

x e. g. (no ©)

Devo ammettere che nutrivo non pochi dubbi di fronte a questi due ultimi dischi che vedono coinvolto il nero sciamano d’oriente. Il duo con Masami Akita (aka Merzbow) sulla carta aveva l’aspetto del classico incontro costruito a tavolino fra quelle che probabilmente sono le due più eminenti personalità del noise giapponese. Ma l’incontro è avvenuto sul palco del festival di Victoriaville e, come già sappiamo da tempo, da quelle parti tendono a prendere le cose sul serio. Par di vederli, i due, e fanno perfino tenerezza, così mingherlini, coi capelli che non si ricordano dell’ultimo taglio, avvolti da quella nebbia di rumore assordante da loro stessi creata. Cavalieri nella tempesta. Guerrieri nella giungla ai quali non resta che correre. Non so se il CD raccoglie l’intera performance, ma stando alla sua durata parrebbe di sì. E ce n’è per tutti, per i fan di Merzbow come per quelli di Haino. Il primo brano, se non fosse per i vocalizzi eterei di Haino che creano uno straniante contrasto, è nel tipico stile tellurico del primo. Nel secondo i terremoti di Merzbow si attenuano per lasciare il primo piano ai vocalizzi ed a quelle che, nelle note, vengono definite come ‘cordes anciennes’. Il terzo brano è una bolgia di veleni elettronici accompagnati dalla batteria (Haino?). Così dev’essere, perché quello del segmento successivo è indubbiamente il suo synth ad aria che crea volute spaziali mentre par di sentire dei tratti percussivi chiaramente tracciati da Merzbow. Ed è con un Merzbow eccezionalmente impegnato alla batteria che inizia il rush finale, roba d’altri tempi in cui la chitarra disegna arroventate sequenze che a tratti ricordano Hendrix e a tratti Neil Young. Gli orfani dei Fushitsusha possono finalmente vivere la sensazione di ricongiungimento con la propria famiglia. Niente di nuovo e niente di eccezionale, ma una buona prova da quello che è un incontro probabilmente destinato a non ripetersi.
Discorso diverso per quanto riguarda la collaborazione con Tatsuya Yoshida che, con “Uhrfasudhasdd”, raggiunge nientemeno che il considerevole traguardo ‘4’. Il disco esce addirittura gemellato con quel “Hauenfiomiume” (pubblicato dalla giapponese Magaibutsu) che abbiamo già recensito qualche mese addietro. E qui i dubbi erano ancor più giustificati rispetto al disco precedente, uno perché il duo non mi ha mai convinto pienamente e due perché un parto gemellare sembrava essere veramente esagerato. E invece… questo ha finito con l’essere il disco che ho ascoltato di più durante gli ultimi mesi. Il fatto è che questa volta il duo vola molto più in alto rispetto alle prove precedenti. Il riferimento principale rimane il progressive, al quale si può rimandare sia per i frequenti cambi d’atmosfera, sia per la strumentazione utilizzata (comprensiva di tastiere e flauto), sia per la tendenza a miscelare i generi più disparati e sia per l’approccio estremamente tecnico. Ma i due non si producono nella solita, autistica, prova di forza. Viceversa il loro dialogare è ricco di spunti ritmici e melodici in grado di rimanere impressi nella memoria. Riff e ritornelli travolgenti si alternano con momenti più poetici, in un carosello di visioni e sensazioni assolutamente uniche e/o di numerose citazioni che par di captare. E il turbinio dei suoni e delle voci è in grado di evocare Jello Biafra come Robert Fripp, il doom metal come il grindcore, il nu-folk come il jazz, Jimi Hendrix come i Naked City… magistrale.
Con questi tipi è bene tenere la penna sempre in allerta perché il calcio in culo o lo scaracchio nel muso possono arrivare in ogni momento.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/12/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´