`Kongotronics´

Autore disco:

Bolia We Ndenge // Kasai All Stars // Konono n°1

Etichetta:

Live at Worldtronics festival (D)

Link:

Formato:

tre concerti / performance live presso la Haus Der

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

Durata:

40’ // 45’ // 50’

Con:

Bolia We Ndenge, Kasai All Stars, Konono n°1

la potenza della musica nera striata di bianco

x Matteo Uggeri

La serata è chiamata 'Kongotronics', a suggerire un miscuglio tra elettronica e musica tradizionale congolese, ma certo il primo gruppo che si presenta sul palco non sembra avere molto a che vedere con la laptop generation. Nessuno degli splendidi omoni neri che siedono scalzi sul palco ha il petto nascosto dietro una mela illuminata, ma sono invece bongos ed altri strumenti percussivi ad essere suonati con grazia e furia dai Bolia We Ndenge, ensemble numeroso e affiatatissimo. Con loro anche una sorta di stregone-cantante, un gruppo di seducenti ballerine (alcune decisamente sovrappeso, ma una di una bellezza imbarazzante) ed un altro tizio che, in funzione di attore/declamatore, semina il panico sul palco travestito da generale militare. La loro è infatti una performance fisica, tribale (come c'era da aspettarsi), ma anche in parte recitativa, con una sua storia e narrazione, il cui significato è in parte sfuggente ed in parte molto chiaro: la musica come forma di protesta e liberazione dall'oppressione dei governi militari comandati dall'occidente. Questa separazione o contrasto tra 'noi e loro' è enfatizzata dalla situazione in cui ci troviamo: la Haus Der Kultur Der Welt non è che un grosso teatro, luogo poco adatto ad una performance che dovrebbe svolgersi tra la gente, mentre invece noi spettatori siamo qui sui seggiolini imbottiti e loro laggiù a dimenarsi. A causa di questo non riesco a godermi appieno la loro esibizione, né la loro musica (bella ma forse troppo monotona per i nostri gusti), continuando a sentirmi troppo lontano.

Diversamente vanno le cose con i Kasai All Stars, dalla formazione che si arrichisce anche di chitarre ed altri strumenti tra cui il lokole ("a deep-sounding trapezoidal slit drum hung across the shoulder and played while standing up") e i thumb-piano, ossia scatolette simili a kalimba che emettono suoni di altezze svariate. Uno dei musicisti suona perfino una sorta di slitta sopra la quale se ne sta seduto, strimpellando delle corde ai lati (dove in genere ci sono i freni delle slette)... purtroppo non sono un esperto di strumenti esotici, quindi la mia descrizione non può che fermarsi qui; vorrei solo fare un accenno ad un tamburo elettrificato che uno dei Kasai suonava con furia, producendo effetivamente un suono starnazzante splendido, simile a quelli prodotti da alcuni synth. L'insieme è spettacolare. La musica, sempre da trance, è meno monotona della precente e se possibile ancora più coinvolgente, tanto che qualcuno inizia finalmente ad alzarsi dai seggiolini ed a ballare. C'è da dire che più della metà del pubblico è costiutita da persone non più giovani dei miei genitori, le quali sono qui più perché l'evento si svolge nella Haus der Kurtur che per i congolesi in sé, tanto è vero che i pochi che osano ballare vengono fatti prontamente sedere da attempati spettatori. Quando arrivano i Konono però anche questi irriducibili del seggiolino si devono arrendere: in un buffo francese uno di loro grida a inizio concerto "s'il vous plait, il faut dancer dancer!", e dopo pochi secondi attacca un ritmo che farebbe ballare anche un paraplegico: in un attimo almeno 30 persone sono sotto il palco a muovere il culo, me compreso, nonostante un fottuto mal di schiena che mi coglie dopo un minuto e mezzo di danze. Di tutt'altra pasta sono fatti i congolesi, che tirano avanti per più di quaranta minuti di concerto non più di cinque pressoché identici brani, forse più occidentalizzati nello stile rispetto a quanto mi aspettassi, credo anche in virtù della presenza di un batterista con rullante e ride. A suonare i thumb piano sono anche due vecchietti che fanno al tempo stesso tenerezza e paura, per l'energia e la serietà che hanno.

Un concerto indimenticabile, anche e soprattutto per come costoro sono riusciti a coinvolgere il pubblico a furia di canti (tutti i musicisti sul palco a turno hanno cantato e ballato!) e ritmiche trance, tanto che ad un certo punto mi sono trovato accanto un tizio di sessant'anni con la faccia da entomologo che dimenava i fianchi come una baiadera africana. Fantastici. Se vi capita, andateli a vedere, altrimenti seguite il sito della Crammed, che pian piano ne sta stampando i dischi.

[nota: questa recensione è un estratto da un più lungo report che tratta ben diversi argomenti, disponibile qui: greysparkle.com]


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 6/3/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´