`Knots´ // `Action Silence Prayers´

Autore disco:

Andrea Belfi // Stefano Pilia

Etichetta:

Die Schachtel (I)

Link:

www.die-schachtel.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) Parte prima 2) Parte seconda 3) Parte terza 4) Parte quarta // 1) Sea 2) Water 3) Question 4) Sky 5) Window 6) Land

Durata:

26:39 // 40:47

Con:

Andrea Belfi // Stefano Pilia

elettro-elettronica: separati in casa

x e. g. (no ©)

Dopo varie collaborazioni sparse a destra e a manca era lecito attendersi da Belfi e Pilia un CD a quattro mani e invece ecco che se ne escono fuori con due dischi solisti che possiamo considerare come 'gemellati', dal momento che sono stati pubblicati in contemporanea sullo stesso marchio. È proprio da quest’ultimo che voglio iniziare per sperticarmi in ennesime lodi ai due discografici milanesi che gestiscono la Die Schachtel: in un momento in cui la confezione dei dischi appare sempre più dozzinale, e mentre lo stesso supporto discografico è messo in discussione dalla trasmissione dati via rete, la cura che Bruno Stucchi e Fabio Carboni mettono nelle loro pubblicazioni è addirittura commovente. Paragonare CD come questi a quelli messi in circolazione dalla stragrande maggioranza delle etichette discografiche equivale al paragonare uno di quei bei maglioni lavorati a mano con quelli che vengono sfornati in serie da un qualsiasi opificio. Ma Stucchi e Carboni, da buoni collezionisti, sono cresciuti con i supporti in vinile, li hanno amati e li hanno riproposti nelle loro prime pubblicazioni come discografici, e oggi cercano di conservare alto il livello qualitativo della confezione anche nel formato Compact Disc. Fortunatamente per loro questa strategia alla distanza è risultata vincente; mi sembra infatti che la Die Schachtel ha ormai raggiunto una certa tranquillità economica, e di questa fortuna usufruiremo anche noi (spero per lungo tempo) ogni qualvolta potremo mettere le mani su gioielli di questa fatta.
E vengo al contenuto dei due dischetti.
Devo dire che il disco precedente di Belfi, su Häpna, non mi aveva pienamente convinto; i brani erano ottimi se presi singolarmente ma sembravano non funzionare come insieme, non c'era coesione, e il tutto appariva troppo frammentato (in realtà i brani erano stati concepiti in situazioni e momenti differenti). Questo nuovo disco, viceversa, si fa apprezzare proprio per la forza dell'insieme percepibile, fin da prima dell'ascolto, già nella scelta di dividerlo non in titoli ben distinti ma in quattro parti che appaiono come componenti di un unico indissociabile. La cosa che balza subito all’occhio è il fatto che in “Knots” Belfi usa essenzialmente quello che è il suo strumento, cioè la batteria, e lo fa con classe e raffinatezza, tendendo ad unificare la tradizione contemporanea europea legata all'uso delle percussioni (da Stockhausen a Jason Khan, attraverso l'AMM) con la tradizione nera (quella che da Max Roach porta a Milford Graves). È così che entra prepotentemente in gioco la tradizione afro dello strumento, con un insistentre tambureggiare che si assomma a sottili linee di feedback (almeno credo che si tratti di questo e comunque tale è l'effetto) o a rarefatti giochi di tastiera (e devo ripetere l'almeno credo) suonata dallo stesso Belfi o campionata che sia. Tale avvicinamento all’Africa potrà apparire anche strano ma in realtà non lo è affatto, dal momento che il percorso di ogni batterista curioso e intelligente non può che, prima o poi, portare da quelle parti. Ma c’è di più, e con "Knots" Belfi torna a quella impalpabilità ed a quel minimalismo che alla terza edizione di “Superfici Sonore” aveva fatto in modo che il suo concerto in coppia con Ciro Fioratti stupisse tutti e fosse ricordato da alcuni (compreso il sottoscritto) come il miglior concerto della rassegna.
Buone nuove anche per Stefano Pilia che, pur restando legato ad un'estetica bucolica e vicina a filosofie zen e/o naturaliste e pur conservando pressanti richiami agli elementi naturali, abbandona in parte i lunghi bordoni dei dischi precedenti e si dedica ad una ricerca più microscopica intorno ai suoni e alle relative risonanze. Chitarra elettrica (anche preparata), pianoforte, qualche campione e pedaliera loop servono per la creazione di un microcosmo delicatissimo e rarefatto. La grazia e la melodiosità di queste pagine sembrano contrastare con l’energia e la furia elettrica che il Pilia tira fuori nei concerti con i ¾ HadBeenEliminated, e in realtà il multistrumentista bolognese (al pari di Keiji Haino) sembra essere affetto da un vero e proprio sdoppiamento della personalità (e magari anche da un triplicamento o quadruplicamento). È così che l’energia di quei concerti, talvolta rockettona, nei suoi dischi in solitudine si stempera nelle suggestioni provate ascoltando lo scorrere di un ruscello, lo sciabordare della risacca, il refolare di un venticello primaverile od il respirare di un bosco. Sono molti i nomi che potrei fare e portare a paragone di questa triplice meditazione, ma preferisco non farlo perché il disco è fondamentalmente molto personale e frutto di una sensibilità singolare ed, in qualche modo, unica. Preferisco quindi che sia lo stesso lettore a scoprire eventuali richiami, ma sono certo che una volta messo al cospetto di queste trame cristalline ogni pensiero verrà meno e l’abbandono sarà totale…
E il naufragar m’è dolce in questo mare.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 22/5/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´