`Formaldeide´

Autore disco:

Vincenzo Ramaglia

Etichetta:

autoprodotto (I)

Link:

www.myspace.com/vincenzoramaglia

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1 - 8) senza titolo

Durata:

50:09

Con:

Brigit Nolte, Massimo Munari, Massimo Mazzoni, Giulio de Luca

La musica contemporanea si avvicina (un po’) alla gente

x Matteo Uggeri

Questo disco fa parte di quei tipi di opere per i quali mi sento profondamente impreparato: mi riesce infatti estremamente difficile recensire una musica che affonda le proprie radici in conservatori e background accademici, colti. Non è un caso che nella ‘redazione’ di Sands-Zine questo disco sia rimbalzato da più parti (per poi finire non so come a me). Mi affido dunque alle lunghe note dell’autore per accingermi a commentare questo “Formaldeide”, che pare basarsi su due intenzioni di base. La prima è esplicata così: «Non avrei potuto trovare titolo migliore per questo mio ciclo di otto composizioni: in effetti, quello che vorrei producessero nell’ascoltatore è […] una sensazione al tempo stesso carezzevole e straniante, evocativa e fragile, dolce e anempatica».
Dunque, a questo punto, a prescindere dalle mie capacità o meno di leggere uno spartito (addirittura nel booklet ne è illustrata una parte!), vorrei cercare di capire se questo intento dell’autore va segno o meno.
La risposta, giunta dopo ripetuti ascolti, è: per questo primo assunto sì. Il disco si dipana davvero leggero e fragile, tra le note di piano, flauto, clarinetto e sax, a tratti estremamente rarefatto (l’incipit di 2), vicino a certo sublime minimalismo reiterativo (1), giocoso quanto certo jazz (le accelerazioni di 2, il quasi swing di 5), cupo e malinconico (3 e 6, perfino sognante a tratti)… I riferimenti però alle singole tracce, non a caso senza nome, sono forse fuorvianti, dato che il lavoro sembra costituire un continuum musicale e logico, con cui l’autore cerca di mescolare influenze (e qui il secondo intento): quelle colte (Bartok, Stravinskij…) con la modernità del pop (Depeche Mode e Radiohead sono tra i gruppi citati!), passando , con successo, per le colonne sonore di Badalamenti. A questo punto, il disorientamento è totale: si riconoscono melodie a volte facili, soprattutto quelle sorrette dal pianoforte, ed al tempo stesso stridori ed inciampi affidati soprattutto al clarinetto, ed invero nasce uno spaesamento che porta l’ascoltatore come per una passeggiata in punta di piedi su uno stretto muricciolo. Vincenzo Ramaglia ci tiene per mano, passo dopo passo, facendoci però degli scherzi, dandoci delle piccole spinte, comunque rispettoso, senza farci cadere, senza farci chiedere di tornare indietro o smettere nel corso di questa faticosa ma gratificante esperienza. Ho comunque delle perplessità: forse questo secondo intento fallisce in parte. E’ lodevole l’intenzione di rendere la musica contemporanea (cui di fatto questo disco appartiene) più vicina a territori di ascolti leggeri, ma quanto al risultato, a mio avviso comunque “Formaldeide” resta più prossimo ai grandi compositori che ai Radiohead (ne è un esempio la complessa tessitura di 7). Questo non è necessariamente un difetto, forse appunto solo un piccolo fallimento negli intenti: il mio timore è che difficilmente dischi come questo potranno fare breccia in chi viene da un mondo ‘pop’, o anche in chi si addentra periodicamente nel mondo della musica sperimentale. Credo sia un buon passo, ma forse ne sono necessari altri, ci vorrebbe una commistione non solo intellettuale, ma anche creativa e soprattutto umana con musicisti che vengono da ambiti del tutto diversi. Non so se ‘geniali dilettanti, per dirla alla Blixa Bargeld, riuscirebbero poi a comunicare una volta assieme in sala di registrazione, ma credo di sì. Non voglio dire che Ramaglia dovrà invitare Martin Gore alle prossime registrazioni, ma magari un qualche musico del giro 12k o perfino Morr (vedrei benissimo F.S. Blumm) non sarebbe male. Azzardo: sogno l’ultima, comunque già bella traccia (come tutto il disco del resto), suonata assieme ai Trapist: sarebbe un capolavoro.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 30/9/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´