`One Hot Afternoon´

Autore disco:

Nicola Guazzaloca & Tim Trevor-Briscoe

Etichetta:

Leo Records (GB)

Link:

www.leorecords.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2008

Titoli:

1) introducing the first gibbering story 2) The first gibbering story 3) Searching the gibbering blues 4) Clouds roots 5) Irony for unprepared piano 6) Let cammello fly 7) Oh what 8) The second gibbering story 9) Oh which 10) Froggin’ 11) Flight of the spider 12) The third Maorca 13) Too much gibbering 14) Lullabye-bye

Durata:

50:29

Con:

Nicola Guazzaloca, Tim Trevor-Briscoe

…il tempo che intercorre fra una nota e l’altra

x Andrea Ferraris

In un momento in cui molta musica indipendente accampa pretese intellettuali (e di spessore) più o meno lecite a seconda dei casi specifici, in un'era in cui molto jazz istituzionalizzato, seguendo le parole di un Ken Vandermark inferocito, rischia di ridursi a musica da salotto, esiste un piccola realtà improvvisativa bolognese che "pensa globalmente ed agisce localmente" val la pena di tenerla d'occhio. Guazzaloca avevo avuto modo di ascoltarlo nell'interessante rielaborazione di melodie svedesi nel cd dei Samsingen (uscito per la Amirani), lui e Briscoe hanno rodato dita e fiato in forze ai Comanda Barabba (gruppo jazz bolognese che ha un cd all'attivo coprodotto con Radio 3 Rai) e finiscono per affinare ulteriormente l'intesa in duo. Che il lavoro dei due stesse riscuotendo un certo interesse era un'informazione nella quale mi ero incappato più volte tramite alcuni dei soliti ben informati, ma che il disco avesse trovato casa nella scuderia della Leo Records, beh, francamente questa è stata una vera sorpresa, anche se quella più grande è arrivata quando ho iniziato ad ascoltare il disco. Come giustamente mi faceva notare un vecchio amico, i duo sono legati a doppio filo con il jazz anche per il fatto che non ci si possa nascondere, oltretutto spesso è facile che vengano a noia nonostante la tecnica eccelsa e le buone idee, vuoi per la ripetizione delle soluzioni, per il suono o per altre ragioni. Il duo italo-inglese invece se la cava egregiamente innanzitutto grazie alla sintonia, probabilmente maturata lungo il percorso e poi per merito della capacità di coniugare senza troppa vergogna una serie di influenze più e meno contestualizzabili/te e sviluppate secondo un gusto del tutto personale. "One Hot Afternoon" tiene fede al titolo e non si nasconde dalla melodia, ma neppure dalla volontà di incupirsi e di flirtare con la musica classica (come d'altro canto molti altri jazzisti) per non dire con il blues (anche se vi come potete immaginare non è il caso di aspettarsi un disco stile Blue Note). Le tracce si compongono sia di momenti scritti che di "libere uscite" senza troppe regole, più che di solos negli stralci in cui non suonano contemporaneamente parlerei di scrittura estemporanea e di una grande capacità di stare al proprio posto. Azzarderei che se in questo il jazz è stato per molti musicisti una lezione di vita, per i due le lezioni sono state apprese avidamente dalla prima fila. Tracce di diverse lunghezze, un paesaggio misto fra abbozzi e temi sviscerati fino all'ultimo pensiero, melodie che si rincorrono, consonanze, scatti, contrapposizioni e marcette dipinte su di una tela che ha una sua forte fisionomia. Indipendentemente dalle enormi qualità tecniche, Guazzaloca e Briscoe fra le varie frecce al loro arco possono contare sulle idee e sul fatto di essere stati baciati dall'ispirazione. Nonostante l'ironia e il divertissement, Briscoe e Guazzaloca assemblano un lavoro che va molto a fondo e che sembra lasciare ben poche cose inespresse. Non saprei se sia più autosuggestione o il fatto che sia normale cercare di trovare un senso alle cose ma resta che fra i percorsi in parallelo, le sospensioni, i contrasti e le attese, ho avuto veramente l'impressione che si trattasse di un caldo pomeriggio estivo: immobile, afoso seguendo un percorso che incontra una città svuotata in cui i protagonisti assoluti diventano quei muri e quegli angoli che cercano di sottrarsi al sole. L'ottimo lavoro di registrazione riconsegna tutto il calore degli strumenti e dei due strumentisti, un bene visto che nonostante tutto si tratta comunque di un disco in cui il calore è fortemente caratterizzante. In tempi in cui Veltroni si arma di dizionario per tradurre Obama finendo per appropriarsi di uno slogan che fu di Branduardi molto tempo prima dell'afro-americano, lo spirito di un certo jazz (perché parlare di 'jazz puro' sarebbe triste e restrittivo) ha un futuro, e soprattutto ha un presente.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 18/5/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´