`Hi Brasil Is Where We Are´

Autore disco:

Brasil and the Gallowbrothers Band

Etichetta:

Monotype (PL)

Link:

www.myspace.com/brasilandthegallowbrothersband
brasilandthegallowbrothersband.org/
www.monotyperecords.com/

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) Aune 2) Journey begins 3) Connect to a land 4) All the coast 5) Interview 6) How is to be happy

Durata:

46:54

Con:

Dominic Savio, T.E.R., Mirt, Tomek Gadomski, Karol Koszniec

Grande grande esempio di equilibrio ed eleganza

x Salvatore Borrelli

I Brasil & the gallowbrothers Band sono una di quelle formazioni che adoro quasi per partito preso! Nel 2004 uscirono su Last Visible Dog (il secondo disco, perché l'esordio avvenne due anni prima) e poi nel 2006 con "Legionowo" su Monotype (su cui sono stati pubblicati anche i lavori a nome Mirt, di cui ci siamo già occupati in queste pagine), e sebbene, qualche cattivello possa pensare che questo top sia stato elargito dalla vicinanza che mi lega alla band in termini di collaborazioni reciproche (il paese è piccolo e la gente mormora), bisogna necessariamente sgombrare qualunque dubbio e di ragioni per amarli ce ne sono a iosa. In questi tempi caratterizzati da un eccessivo incremento discografico con conseguente diarrea pseudo-artistica ben imparentata ad approssimazione ed ignoranza, in questi tempi decisamente lugubri dove la stratificazione viene scambiata per decostruzione e dove i brani vengono giudicati in funzione della loro "ascoltabilità”, in questi tempi di sciacallaggio barbaro, fatto d'innumerevoli dischi che si spalmano su HD sempre più ammantati d'informazioni binarie, i B&TGB esercitano un potente coacervo fatto di segnali fantasmatici ed influenze totali, in una musica che diventa sempre più post-moderna nel senso più nobile del termine. Sono duri i nostri tempi per formazioni come queste perché c'è il pericolo che possano essere scambiati per cloni sonori gruppi così, e poiché la musica è tanta ma l'attenzione dedicata ad essa ne resta inversamente proporzionata, i primi a rimetterci sono quei musicisti che non si allineano alle mode correnti e che non cercano in un paio di note ripetute per diversi minuti i gusti di un pubblico impantanato e spento. I Brasil sono polacchi ma non hanno una collocazione geografica: non credo che parlino della loro terra e non fanno una musica che è estenzione di un territorio; non interpolano il "post" attorno al canovaccio logorroico delle sfumature consolidate ma cercano di sperimentare la differenza nella ripetitività di cui si nutrono le loro composizioni. Questo significa che per loro la musica è già partita dopo e che quello che stanno cercando di fare è innescare dinamite sui circuiti patetici della musica seriale, come una svolta sostanziale basata su un decisivo rimaneggiamento delle tessiture e delle strutture canoniche del rock e dalla loro terra sognano un Brasile che non c'è e caricano questa freddezza canonica del desiderio verso lidi che appaiono di volta in volta spuntati come paesaggi in costante disgregazione. E di personalità ne hanno da vendere! Anche il loro immaginario incongrafico ne è prova fantasmatica: una sorta di megaillustrazione fumettistica dove si rappresentano come dei fantasmi che barcollano su strade apocalittiche e marcate di tinte invernali. E la loro musica è un insieme di costellazioni nude, un piccolo insieme di meteoriti che vagano solitarie ma che stanno tutte insieme nello stesso spazio naufragato.
"Hi brasil is where we are", già dal titolo ironico, si presenta dietro due batteristi con forti influenze tribaloidi come un'indagine poliritmica e stratificata e difficilmente collocabile; un esempio ne è il primo pezzo, quel Aune che parte come una sigla da synth cosmico per trasmissioni future e poi prende subito il bordone del ripiegamento nostalgico, con una voce assai sintomatica che sta tra i primi LaBradford ed un certo pampsichismo. La traccia si mantiene su ritmiche cinematiche per poi sprofondare in una tribalissima sequenza alla Popol Vuh senza mantra herzoghiani ma con eleganza minimale ed ipnotica. Passano dieci minuti ed è come se ne fossero trascorsi dieci di anni ma in un solo secondo ed hai tutto lo spazio per sentire, per agire, e la musica ti lascia tutta la possibilità di continuare tu stesso ad esercitare una forma d'influenza su di essa. Journey begins è ancora più emblematica perché si dipana su singolari sfasamenti vocali e su percussioni che si moltiplicano con strumenti che mantengono una loro eterogeneità da fare di ogni singola partitura una canzone specifica: e questo non è rock sperimentale ma composizione canonica. Lo si legge dalla necessità unica di mantenere respiro nelle singole sequenze, dall'abilità con cui questi 5 personaggi incrociano i loro sguardi per costruire questi sinfonismi stralunati ed oscuri e dalla base che si sbilancia sempre su cadenze che di volta in volta assumono morfologie differenti. Poi arriva il terzo pezzo e viene da chiedersi cosa potevano essere i For Carnation se avessero imboccato l'insana via della sconnessione, perché i lidi sono quelli e l'impatto emotivo è lo stesso e non è un caso, e nemmeno un mistero che alla base di tutta la musica di B&TGB ci sia l'ombra ossessiva degli Slint riaggiornati ad oggi. Interview è poi un miracolo o giù di lì: si sente "l'alterazione" di ogni singolo dettaglio che si sfrana dietro un intreccio che fa sempre più fatica a rimanere fermo e si dirama incessantemente attorno a poche note ma basate su aritmie: infatti, al di là delle singole chitarre che scorrono come movenze estranee, la struttura lessicale dei B&TGB è contrappunto, timbrica, ritmicità che si sconfina, che si evolve e che implode e si sbatte. In tempi così infami come questi,l'arte dei B&TGB consiste nello spalmare colori carichi di elementi memoriali, nostalgici ed ipnotici su partiture in costante tensione e dispersione, e la loro bravura sta nel mantenere un rapporto plastico e di rispetto con l'orecchio, che non li porta mai alla saturazione ma che di ogni singola nota fa differenza e disperazione. Si spera che, stando alle statistiche moderne, un top possa far vendere un paio di dischi dal momento che i giornali e chi ne scrive sono diventati la bussola del file-sharing più feroce.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 19/4/2008
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2008 ...

`Detrito´  

`Rosolina Mar meet Trumans Water´  

`Bellows´  

`La stagione del Cannibale´  

`Cosa dico quando non parlo´  

`Guya from the kitchen of flowership curtains´  

`Ophelia Wanders´ // `Shortest Way to the Moon´  

`Höstluft´  

`The Return Of The Magic Mold´ // `Mayday Calls´ // `Fortean Boomerangs´  

`Supercoclea for new apes´  

`ElectrosoundphrasesinTh(ou)gh(t)s´ // `S.O.C.G.: Vecchie Paure´ // `Ri-Tagli´ // `Inconcludenzia´  

`House Of Wax´  

`MASS´ // `Homo Sacer´  

`The Brutality of Misbreathing´  

`Claws of Light´  

`The Year of the Dog´  

`Piet Mondrian´  

`Slow Speed: Deep Owls´  

`Two (The Biographer)´  

`Comicopera´  

`Voices Stomp Flames For Requiem Times´ // `I Can't Take My Head To See Higher Becouse The Sky Is Landing Over My Neck´  

`Puttanesca´  

`Il ragazzo che sognava Kim Novak´ (titolo originale: `Kim Novak badale aldrig i Genesarets sjö´)  

`The Bird And The Word´  

`Tacet´  

`Ends Of June´  

`Alaska Pipeline´  

`Caravaggio´  

`Ruststukken´  

`The Geometry Of Sentiment´  

`Lo spazio delle fasi´  

`Rotty What´  

`Pipe Smoking On A Balloon´  

`Contraption´  

`Hermaphrodite´  

`Transito dal leggiadro´  

`Peripheral Vision´  

`Fingering An Idea´  

`Duets´  

`Voice Of Seven Woods´  

`Centenaire´  

`Kongotronics´  

`Grass is Flesh / Woman´  

`Madoromi´  

`Find Electronica´  

`Space Light´  

`Reflections in Black´  

`Split CD´ // `DooMooD´  

`Drum Sketches´  

`A Watched Pot (Never Boils)´  

`Varda la luna´  

`The Well´  

`Can't Wait another Day´  

`(nulla esiste)´  

`Abnormous post anomalous…´  

`La Constitution de la République du Savage´  

`Intentions… An Improvised Cycle´  

`Asmodeus´  

`ENSO´  

`Under the Balcony´  

`Monika Bärchen: Songs for Bruno, Knut & Tom´  

`Detriti´  

`Live´  

`Points´  

`Our Moon is Full´  

`Hi Brasil Is Where We Are´  

`We Don’t Need The Outside´  

`Nefelodhis´  

`suoni : oggetti : risonanti´  

`Zero Submarine´  

`Phonometak Series #3´ // `A Bullet Sounds The Same (in Every Language)´  

`In The Pendulum's Embrace´ // `Lost Like A Star´  

`Getting Dressed for a Death Metal Party´ // `Dice not Included´  

`3ree´  

`Sieben Mal Solo´  

`Undecided (a family affair)´  

`To the Naked Eye´  

`Softened Edges´  

`Moraines II´  

`Araçá Azul´  

`Geisteswissenschaften´  

`Bill Dixon with Exploding Star Orchestra´  

`The Subliminal Relation between Planets - Live in Archiaro´  

`Cosmic Mosque On the Magical Mountain Top´ // `Urine Cakes´ // `Eye Mith´  

`Tears of the Valedictorian´  

`Inframundis´  

`Antologia del medio Mongoholi Nasi´  

`L'estetica del cane´  

`Pathethilyc Ruins Orkestra´ // `Deadlake´  

`Circonvoluzioni´  

`One Hot Afternoon´  

`Knots´ // `Action Silence Prayers´  

`Long, lontain´  

`A Weevil In A Biscuit´  

`Binaural Beats´  

`Truth in the end´ // `GenoaSoundCards´// `Wanderung´  

`Tragol de Rova´ // `Lowest Shared Descent´  

`Fula Fula Fular´ // `X-Mary Al Circo´  

`Fingerprints, Medicine´ // `Black Taper Taiga´  

`Drunk Upon Thy Holy Mountain´  

`Riflessi´ // `Natura Inorganica´  

`Memory Drawings´  

`The Last Dj´  

`The Munderkingen sessions, part. 1´ // `Duets for prepared unprepared and toy pianos´  

`Till my Breath Gives Out´  

`Another Piece of Teenage Wildlife´  

`Phantom Limb & Bison´  

`Bastille´  

`The Organ Of Corti´  

`L’Arte Della Guerra´  

`Rádha-Kršna (Songs Of Love)´  

`Trapani – Halq Al Waady´  

`Theology / The Religious Experience´  

`Sureau´  

`To the River Lounge´  

`Passages´  

`Carpaccio esistenziale´  

`Shama´  

`Farewell Fields´  

`L’Innondazione´ // `Fallen´ // `The Killer Ep´  

`While my Beautiful Autumn Fell´  

`Sick Sex And Meat Disasters In A Wasted Psychic Land´  

`Again´  

`Submarine´ // `Touch´ // `Maariv´  

`Assortimenti N.1-5´ // `Decidere a te….´  

`Map´ // `Non Solo / Untitled´  

`Intervals´  

`Fun is Near´ // `Welcome Home´  

`Red Gold´ // `Sighs Trapped By Liars´ // `Safe Inside The Day´  

`7000 Oaks´  

`La Musica Umana´  

`Mandala´  

`Borrowed Arms´  

`Repeat!´  

`Un geco nella mia casa´  

`The Wheel´  

`Leah & Chloe´ // `Scale Down´ // `Birrificio Atlantic Oil - 23 Aprile 2008´  

`Hatali Atsalei (l'échange des yeux)´  

`Porosità´  

`Hau´  

`These Are The Days´ // `Harrisonford´  

`Curia´ // `Osso Exótico + Z'ev´  

`Techno Girls´  

`Wildflowers Under the Sofa´  

`Dove è sempre notte (Christine Falls)´  

`Sucker Punch Requiem´  

`Licking Up Dust´ // `Hauenfiomiume´ // `Live´  

`Seens´  

`Proveniamo da estremi´  

`Emotion/Repetition´ // `Phonometak Split Series Vol. 4´  

`a tempo! a tempo!´  

`Phantasia´  

`A Quiet Place´  

`Uneasy Flowers´  

`After this Darkness, there’s a Next´  

`Real People´ // `Jazz is Free And So We Are´ // `Elastic Jargon´  

`Perros´  

`The Fierce and the longing´  

`Discography´ // `Ate Ate Ate´  

`Cavallo Meraviglioso´  

`Playing By Numbers´  

`(The) Giants Of Gender´ // `Katachi´  

`Buridda Vol. 1 & 2´  

`Il Colombre´  

`Alone At Last´  

`Formaldeide´  

`While I Was Walking, I Heard A Sound...´  

`Spirits Transform Me´  

`Hors-champ´ // `Marée Noire´  

`Je retiens ton souffle´  

`Hero Crisis´  

`Berlin Electronics´  

`Expo ’70 / Be Invisible Now´  

`Kitchen Love´  

`k7 box´  

`Exercises in Style´  

`La Grande Arte Della Luce e Dell’Ombra (Archeologia del Cinema)´  

`On Grey´ // `Your Hair In My Trail´  

`Live Tago Fest 5-7-‘08´  

`A Mouthful Of Dust-A Soundtrack For The Desertic Landscapes Vol.1´  

`Ahura´  

`From Exile To Oblivion´  

`Your Very Eyes´ // `Crumble´  

`Mnetha´  

`Live At Crash´ // `Twelve’s´  

`Vol1 Kolkhoznitsa´  

`Humungus Fungus´ // `Urano 1´ // `Urano 3´  

`Love & Lamentation´  

`Piallassa (Red Desert Chronicles)´  

`20 Luglio 2008: presentazione del nuovo album´  

`Stolen Time´  

`A taste from Mass Quality Music´  

`This Quiet Season´  

`Clones Of Heros´ // `Sæieglî:n´  

`From The Desert Came Saltwater´  

`Domenica 27 luglio in Melbourne´  

`Music for Shopping Malls´  

`Vude´  

`U Bit´  

`L'Ombra di Mezzogiorno´  

`Disturbi Concreti Nel Disordine Dei Sogni´  

`Crepa´  

`Pike´  

`An Innocent, Abroad´  

`Appunti per semiacusticherie´  

`Agenzia 13´  

`A Distant Youth´  

`Unstringed Guitar & Cymbals´  

`Nine Months To The Disco´  

`81 Matters In Elemental Order´  

`Pulverized Purple´ // `Uhrfasudhasdd´  

`Stuck in the Room Full of Mirrors´  

`Domenica 31 agosto in Melbourne´  

`Rewiring´  

`Ample Food´  

`Procession Of The Ornaments´  

`Monogon´ // `Re-Mix´