`Les Ondes Silencieuses´

Autore disco:

Colleen

Etichetta:

Leaf (GB)

Link:

www.colleenplays.org
www.theleaflabel.com

Formato:

CD

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) This Place In Time 2) Le Labyrinthe 3) Sun Against My Eyes 4)Les Ondes Silencieuses 5) Blue Sands 6) Echoes And Coral 7) Sea Of Tranquillity 8) Past The Long Black Land 9) Le bateau

Durata:

43:24

Con:

Cecile Schott

Al di là del tempo

x Alberto Carozzi

“Everyone Alive Wants Answers”, così s’intitolava il primo disco di Cecile Schott, in arte Colleen. Ogni essere vivente vuole risposte. E all’epoca (solo tre anni fa) la stessa Cecile forse di risposte ne cercava molte, il suo percorso musicale era appena cominciato e si affacciava al mondo con alcuni punti di riferimento che sono diventati nel tempo le linee guida del suo cammino: lo studio degli strumenti, soprattutto degli strumenti acustici della tradizione classica, in particolare fu attratta dalla viola da gamba, ma anche dalla chitarra, dal clarinetto, dal clavicembalo. Ha giocato con i loro suoni, ne ha esplorato le possibilità, la storia, i segreti, ed intanto fissava delle tappe che testimoniassero le sue scoperte.
Il primo disco era una prova per nulla acerba di ricerca sonora, in cui la musica prendeva forma grazie ad un equilibrato e divertito accostamento di tasselli preesistenti, ed al già pregevole gusto musicale si affiancavano le importanti intuizioni che la discostavano dal panorama circostante dell’elettronica minimale nel quale veniva spesso inserita.
Ed era solo l’inizio. L’urgenza creativa s’è fatta man mano più forte, e con essa l’esigenza di una crescita artistica anche in senso compositivo. “The Golden Morning Breaks”, il secondo album, segnava proprio questa transizione, e la crescente complessità dei brani proiettavano Colleen verso orizzonti sempre più vasti.
Alla luce di questa premessa “Les Ondes Silencieuses”, il nuovo disco, appare come il più coerente completamento di un percorso. Ma non basta. Già, perché sarebbe riduttivo limitarsi a constatare che l’artificio dei sample-loops lascia finalmente il passo a composizioni vere e proprie eseguite in prima persona. La sensibilità musicale ha infatti subito un’impennata esponenziale portando l’artista francese su un terreno che la pone a diretto confronto con le più rigide istanze della musica colta.
Si prenda per esempio la seconda traccia, Le Labyrinthe, eseguito per sola spinetta, e diviso in due parti che ripercorrono nella prima il minimalismo della scuola di Satie, e nella seconda sovrapposizioni quasi contrappuntistiche nello stile della fuga ma senza la sua rigida forma, più vicine forse alle reiterazioni di Riley.
Sono nomi certamente molto impegnativi, e l’intenzione non è assolutamente quella di fare paragoni, ma i punti di riferimento oggi sembrano proprio quelli.
L’essenzialità è la costante di tutto il disco, che per certi versi è estremamente radicale, e l’ascolto più insidioso di quel che possa sembrare.
Spesso Colleen, nella sua maniacale ricerca di purezza negli strumenti, del loro timbro naturale, nell’insistenza di risaltarne tutta la loro espressività (senza peraltro inseguire un perfezionismo tecnico che raffreddi il clima), li costringe a reggere in totale solitudine lo spazio di un brano, dilatando la percezione del tempo con delle lunghe pause di silenzio, ed ogni respiro diventa uno sguardo smarrito in un orizzonte indefinito. È la chiave di tutto il lavoro. L’artista si lascia guidare dallo strumento, senza forzarne mai la natura con virtuosismi di sorta.
A farla da padrona è senz’altro la viola da gamba presente in cinque dei nove brani dell’album, e sempre senza essere accompagnata da altri strumenti. Colleen è molto legata a questo strumento, dice di essersene innamorata dopo aver ascoltato il capolavoro di Jordi Savall “Tous Le Matins Du Monde” quand’era ragazzina, ed aver trovato lì le principali aspirazioni ed ispirazioni musicali. E finalmente soddisfa entrambe. Già qualche accenno era presente in “Golden Morning Breaks”, ma è qui che diventa la reale protagonista, caratterizzando i tempi, la profondità, le atmosfere e tutte le possibili evocazioni che possa suscitare.
Splendidi Les Ondes Silencieuses, brano che dà il titolo all’album, e Le Bateau, quello che lo conclude. Il primo è esattamente lo specchio del titolo che si è meritato, il secondo un curioso monologo a due voci, la stessa viola che prima abbozza una timida partenza arpeggiata, poi si fa coraggio e prende il largo, lì si scopre sola e senza vento, le lunghe note graffiate dall’archetto c’invitano a riprendere fiato per orientarci, e finalmente l’approdo festeggiato da un ritornello quasi più chitarristico.
In Blue Sands e Past The Long Black Land la partitura si fa più complessa con intrecci di più parti eseguite con tecniche differenti, dall’arpeggio, al fingerstyle, al classico uso dell’archetto, fino a polverosi accenni percussivi. Arricchiscono l’opera due preziosi duetti fra chitarra e clarinetto, Sun Against My Eyes e Sea Of Tranquillità (questa già offerta qualche tempo fa in rete) con la chitarra a prodursi in figure essenziali e statiche ed il clarinetto a tessere una linea malinconicamente jazz, ed un intermezzo (Echoes And Coral), fragilissimo come i bicchieri di cristallo qui prestati alla causa.
In fondo è sempre lei, col suo malinconico spleen, col suo grande ed umile rispetto al servizio della musica, quella con la emme maiuscola, quella in cui emozioni ed ingegno trovano casa senza spintonarsi. Veramente difficile chiedere di più ad un’artista.


click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 27/7/2007
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2007 ...

`Reflect´  

`Women Take Back The Noise´  

`Gyre´  

`Flow´  

`…et les fleures éclosent à l’ombre´  

`Esperanto´  

`Zoo´  

`South Of Me´ // `For Alan Lomax´  

`Living In A Pixel´  

`A Swampadelic Blessing of Downtown SF, The Offial Bootleg´  

`Eco e Narciso´  

`Pioneer´ // `Tayutafu´  

`YC´  

`A Constant Migration [between reality and fiction]´ // `Nostalgia´ // `Fave Quotidiane´  

`New Rap´ // `Yaranaiga Dekinaikotoni Natteyuku´  

`Stots´  

`Wolfarth´ // `Drum Drama´  

`Some Thoughts About Shkrang!´  

`Warp Works & Twentieth Century Masters´  

`Bad Ground´  

`To Play – The Blemish Sessions´  

`Rational Melodies / Bedtime Stories´  

`Dreams Interrupted – The Bewilderbeat Years 1978-1980´ // `Stepping Out Of Line – The Anthology´  

`Lighting Ghost´  

`A Guide For The Perplexed´  

`Idyll EP´  

`Monolith´  

`In Reverie´ // `The Album’  

`Separate Chambers´  

`Talibam!´ // `Hungry Hungry Hemispheres´  

`Do Not Destroy´  

`Riverboat Styx´  

`One Way Ticket´  

`Piume che cadono´  

`Commuting Between The Surface & The Underworld´  

`The Shipwreck Bag Show´ // `Phonometak Series 1´  

`Triadic Memories´  

`Unjust Malaise´  

`Gold Sounds´  

`The Owl’s Map´  

`Nomtom´  

`Spellbound´  

`Ziu Zau´  

`SuperTexture´  

`Zweierlei´  

`The other side of this´  

`Into The House Of Slumber´  

`Same Place Different Weather´ // `Beau Chien ´  

`Bespoken´  

`Two’s Days / Tuesday´  

`The Restless Fall´ // `Don Quiból´  

`MiniDisc. only 3cd´ // `Three Compositions´  

`Fragile Touch Of The Coincidence´  

`La Stanza di Swedenborg´  

`Rien, Merci´  

`Ys´ // `A Wolf In Sheep’s Clothing´ // `Melody Mountain´ // `Ephemeral´  

`Paint lines on your glasses look up at the stars and play them as notes´  

`March(e)ingegno Sonoro´  

`Telegraphy By The Sea´  

`Now´ // `Crap´  

`Un Son Peut En Cacher Un Autre´  

`Rollerball´ // `Sitespecific for Orange Squirrel´  

`A tavola con il principe´ // `Split´  

`L’ocelle mare´  

`Between´ // `Love Me Two Times´ // `The Issue At Hand´  

`Sweet Noise on the Sofa´  

`Storm´ // `Jessamine´  

`In The Context Of´  

`The Indeterminate Existence´ // `Luggage´  

`Night Dancers´  

`Incurable ep´  

`It Is Freezing Out´  

`Horizontal Mover (Homage To Alvin Lucier)´  

`Secluded´  

`Antiguos Dólmenes Del Paleolítico´ // `Tape Works´ // `Kokura´  

`Fauxpas´ // `A Direct Sensuous Pleasure´  

`Don Luiggi ed altri canti a-sociali´ // `At Go Go´ // `fRr(r)´  

`The Boy Who Floated Freely´  

`I Love Machine´  

`8 x 8´  

`SAN´  

`Watch Me Getting Back The End´  

`Live At The Satyricon´  

`Toygopop´  

`Study´  

`Ex Æquo´  

`Michigan And Arcturus´  

`52 songs for 52 weeks part 1/4´ // `Winterland´ // `Norfolk Motel´  

`Sonitus 2006´  

`Plasma Expander´  

`Unfolk´  

`Sacred Ground´ // `Snug as a Gun´ // `We Are Not Obstinate Island´  

`Live! At Super Deluxe´  

`Radiorgasm´  

`Beato colui che sarà visto coi tuoi occhi – Oropa in sogno´  

`Les danseurs de la pluie´ // `5 Rimbaud 1 Verlaine´  

`Classic Erasmus Fusion´  

`First Aid Kit´  

`Universal Prostitution´  

`Coincidenza´  

`In Transmediale´  

`The Outstanding Story of Mr. Mallory´  

`Lemming´  

`Eyes Set Against The Sun´  

`Dog Series 1-12´  

`Sintesi da un diario´  

`Mainstream´  

`Vittorio Cane´  

`Polytone´  

`Nocturnal Emission 1st Flight´ // `Nocturnal E (Mix) Ssion 1st Flight´  

`Edit Sur Passage Avant Fin Ou Montée D’instrument´  

`Poste e telegrafi´  

`MKUltra´  

`Low Dinamic Orchestra´  

`Красота (Krasota)´  

`Bows’ Wind´ // `Bloom Inside Bloom Outside´  

`Get The People´ // `Long Play´  

`Spider Smile´  

`L.S.´  

`The Snow Abides´  

`Qualts art teex deleo´ // `Carne al fuoco´  

`Stars of the Lid and their Refinement of the Decline´  

`Il fiore della bocca´ // `Breath On The Floor´  

`Samsingen´  

`Inside-A-Sekt´  

`Muddy speaking ghosts through my machines´ // `The stones know everything´  

`Stof´ // `Thin Air´ // `Live at the Outpost Performance Space´  

`Schio | Duemilaquattro´  

`Here Comes The Skinny Roller´  

`Ipersensity´  

`Alejandra´  

`Monologue´  

`Musica per la lumaca più triste´  

`Split´  

`Tropism´  

`Mystère du Printemps´  

`Paramount´  

`Night Dawn Day (Music For George Romero)´  

`The Western Lands´  

`Something #1´  

`Earwash´  

`Coastal´  

`Love Is My Motor´  

`Fuzz Orchestra´ // `Non Io´  

`Action from the Basement´  

`Organ Eye´  

`Xaxapoya / Dead Voices in the Temple of Error´  

`Estamos En Todas Partes´  

`Offret - Sacrificio´  

`Goodbye Moonface´  

`Dialects´ // `This Is A Beat!´  

`Her Name´  

`Mantle EP´  

`Space Solo 1´  

`Stonewater´  

`76 Kilos Laughing´  

`Off´  

`Incantations´ // `Cruelly Coy´ // `Diffrazioni Sonore´  

`55:12´  

`After Dinner Black Out´  

`Words On The Floor´  

`Intents & Purposes´  

`Kielholen´ // `Fireproof In 8 Parts´  

`Live At Lab 12 - Part 1 Rev_Enf´ // `Live at Lab 12 - Part 2 Playing Other People - My Bundle Of Files´  

`Ti Tolgo La Vita´ // `The Scum Album´ // `Violent Potato´  

`Harpoon´ // `The Last Tree´ // `The Pirate’s Gospel´ // `Songs Whistled Through White Teeth´  

`Les Ondes Silencieuses´  

`Fat Fish´  

`Doctor´  

`Altered Realities´  

`The Sybian Sorority´  

`L’alba irradia l’inutile parola´  

`Identification With The Enemy: “A Key To The Underworld”´ // `Ku Klux Klowns´  

`To Seek´  

`L’Autre Cap´  

`Spots In The Sun´  

`Soundmatters´  

`Topophonic Models´  

`Девушки поют (Girls Sing)´  

`Tenno´  

`Re Worked Materials :: 1999 2002 ::´  

`Endless Night´  

`Tam-El´  

`The Tempest´  

`Camusi´  

`I luoghi del potere´  

`Short Walk with Olaf´  

`Un'estate senza pioggia´  

`Itinerant Labours´  

`Very Slow Disco Suite´  

`Cabaret per nulla´  

`C’è Ancora Vita Su Marte´  

`Testa Piena d’orche´ // `Attimo in un wormhole´  

`Look at Me´  

`Millenovecentosettantatre´  

`Six Twilights´  

`30.000 Feet Tarantella´  

`Live at the Cosmic Egg, 10.06.2000´  

`Swims EP´  

`Volcano´  

`Vor Feuerschlünden´  

`Stupid Love & Smart Laught´  

`Katodivaihe´  

`We Don’t Just Disappear´  

`Klima´  

`Je Dechire l'ongle aux criminels´  

`Wayward The Fourth´  

`Tromatic Reflexxions´  

`Dentro.´ // `Study On Babe Arcane Ethology´  

`Music Of Richard Lerman´  

`Mamono´  

`Yesterday Night You Were Slepping At My Place´  

`Aerial #1 #2 #3´  

`LAB 12 #2´  

`Still Living In The Desert´  

`Amateur´  

`Triptych Mirror´ // `Lineal´  

`Resistance Cruisers´ // `Rashaya´  

`Exposé´  

`Trees In The Attics (An Homage To Hundertwasser)´  

`Gestuelle du blue Tempo´ // `Journey Through The Shadow Of The Sun´  

`Aquarian Hymns´ // `Kaikki Mitäunohdin Sanoa´  

`Last Days Of The Sun´  

`The Green Morning´  

`Predictable point of impact´ // `#1´  

`Little Waves´  

`Polvere´  

`Electroacuousticquartett´  

`Baby Blue´  

`Part Monster´  

`Brainville 3, 16/06/2007, Paolo Pini, Milano´  

`Improbable Transgressions´  

`Faded on the Blowing of Winter´ // `The Frozen Seasons of Lisergia´  

`L’arte di sciogliere la neve´ // `La vita sociale´  

`Infinite Mind´ // `And I Pulled the Word ‘and’ From My Beard´// `Deadly Space Missions´  

`L’âme sûre ruse mal´  

`Steeljaguar for Rocket´  

`Radìs´ // `22:22´ // `Diario Acustico´  

`Empty Houses Are Lonely´  

`Journey To The Center Of Noise´  

`Eternal Castle´  

`Folk Cycles´ // `Marches Of The New World´  

`Reharsal Fakestry´  

`Metropolitan Meeting´  

`Fun From None – Live From No Fun Fest 2004 & 2005´  

`Three Rooms´  

`Sonorine´  

`Ex-perimento #5´  

`Ovary Lodge´  

`Trunkeret & Ikonisk´  

`The Missing Tapes´  

`Encomiast´  

`Aube Noire´  

`Echoes of The Whales´  

`Geneva in neve´  

`Chasms´  

`Sator´  

`Musicamorosa´  

`Uno´  

`de - tour´  

`August´  

`La peggior mezzora della vostra vita´  

`Rainy Days´  

`Meet the Bolton's´  

`The Beatlerape´  

`Live & Replayed´ // `Semisferi´ // `A Herdsman’s Life´  

`Conditions For A Piece Of Music´  

`Big Dig´  

`Sky Diary Edits´  

`Birds Of A Feather´  

`Drunken Forest´  

`At Your Service´  

`Holler´  

`Urania´  

`Walking into Sleep´  

`Tessuti – Paolo Angeli Plays Frith & Björk´ // `Mats Gustafsson / Paolo Angeli´  

`Plus vite que la musique´  

`The Séance At Hobs Lane´  

`8 Saisons à l’hombre´  

`Mount A´  

`Nei Paesi Novembre È Un Bel Mese Dell’Anno´ // `Era Notte A Sud´  

`Brevi Momenti di Presenza´  

`La chiave del 20´  

`We Are All Pan's People´  

`Sound Sculptures´  

`Strawberry Jam´  

`Arpe eolie / Arpe eolie And Other Useless Things´  

`Growing´  

`Ancient Silence´  

`The Black Wood´ // `Axes´  

`Oh! You are so naive!´