`Tessuti – Paolo Angeli Plays Frith & Björk´ // `Mats Gustafsson / Paolo Angeli´

Autore disco:

Paolo Angeli // Mats Gustafsson / Paolo Angeli

Etichetta:

ReR Megacorp (GB) // Wallace / PhonoMetak Labs (I)

Link:

www.rermegacorp.com
www.wallacerecords.com
www.soundMetak.com
www.paoloangeli.com
www.inclinaisons.com

Formato:

CD // 10-inch

Anno di Pubblicazione:

2007

Titoli:

1) La pianta del piede 2) Ahead In The Sand 3) Unravel 4) The Hand That Bites 5) Mezzo Passo 6) Lelekovice 7) Desired Constellation 8) Danza di un Fermaciuffi 9) One Day 10) Tessuti 11) Athena Mina 12) Navajo 13) In Umido 14) Anchor Song / The Hand That Bites 15) Hyper-ballad // 1) I Wanna Be On My Own With You 2) Dachau-Passau Drive 3) Man In Is Boat Desperately Crushing The Ice / 1) Andature portanti

Durata:

63:10 // 30:00 ca

Con:

Paolo Angeli // Mats Gustafsson / Paolo Angeli

avant jazz: il nostro caro Angeli (si ciba di radici e poi...)

x e. g. (no ©)

Tessuti sono i nervi, i fili che si intrecciano, gli strati, i colori, i contrasti.
Tessuti è un confronto e una rilettura delle composizioni di due musicisti straordinari, che hanno saputo coniugare sperimentazione e cantabilità.
Tessuti è una risposta creativa, libera nel cercare poesia tra melodia e rumore. (Paolo Angeli)

«Abbiamo ormai chiaramente a che fare con un ‘professionista’ nel senso vero del termine, se pure si tratti di un professionista che non ha ancora perso il ‘piacere’ di fare musica»: queste parole che avevo utilizzato per concludere la recensione dell'ultimo disco di Giuseppe Ielasi suonano alla perfezione anche per Paolo Angeli. Prima di apprestarsi all'ascolto di "Tessuti", che senza alcun dubbio segna la sua maturità artistica, è dunque utile dimenticare il musicista che chiedeva spazio e attenzione 'urlando' dai solchi di "Linee di fuga". L'idea base intorno alla quale ruota questo lavoro è quella di mettere assieme brani di Fred Frith e Björk, due autori particolarmente amati da Angeli, cementando il tutto con brevi interludi di propria composizione. A chi è stato cresiuto a pane (rock) e acqua (roll) la scelta di riempire un proprio disco con le 'cover' di due autori così blasonati e, nel caso di Björk, anche di grande successo potrà apparire quantomeno discutibile. Ma Angeli, essendo un musicista di tradizione tipicamente jazzistica, è completamente estraneo all'idea di 'cover'. Il termine di riferimento, nel suo caso, è quello di 'standard', dove lo 'standard' era un brano di successo con il quale i musicisti jazz misuravano la propria bravura, attraverso un'interpretazione strumentale attraversata da variazioni improvvisate che ne faceva un canovaccio da plasmare e personalizzare, fino a renderlo un frammento tipico del proprio linguaggio (My Favorite Things scritto da Richard Rodgers per il musical “The Sound Of Music”, ad esempio, è diventato in tutto e per tutto un brano di John Coltrane ed è conosciuto soprattutto come tale), dove proprio la fantasia e la pertinenza di questa metamorfosi erano gli elementi in grado di lasciar intendere qual era la temperatura reale dello strumentista. Ma, pur rifacendosi a questa grande tradizione, Angeli ha dimostrato originalità, evitando con cura quegli ‘standars’ ormai consunti e noti a tutti per crearsene di nuovi e personalizzati, e l'essere riuscito ad accostare i brani di due autori essenzialmente molto diversi l’uno dall’altro, dando al tutto un senso realmente unitario, tanto che "Tessuti" ha più l'aspetto dell'unica suite che non quello della raccolta di brani, può far intendere quanto l'abilità, la personalità ed il gusto del musicista sardo si sono ormai evoluti e consolidati; e se gusto e personalità possono essere qualità innate, l’abilità è chiaramente un elemento acquisito in anni di applicazione e di attività concertistiche. Lo stesso “Tessuti” è stato rodato a lungo in concerto, prima di venire fissato su supporto tramite una registrazione ambientata (nel Castello di Mongiorgio presso di Bologna) ed effettuata in presa diretta. Angeli ha detto di avere effettuato tre 'riprese' di ogni singolo brano e di avere poi scelto quella che gli sembrava essere la migliore, un sistema di lavoro che ci riporta nuovamente nelle tracce del grande jazz, nello specifico al metodo che venne utilizzato per registrare i massimi capolavori di quella musica. Il chitarrista ha fatto tutto da solo, senza utilizzo di elettronica, ad eccezione di un brevissimo loop di chitarra in Ahead In The Sand, di una radio gracchiante in Lelekovice e di una voce ‘fantasma’ (*) in Navajo; da solo con la sua ‘ghiterra’ e poco altro, ovvero con quella che a livello di base è una ‘ghiterra’ ma che presa in mano da Angeli e accuratamente rettificata diventa viola da gamba e pianoforte, violino e strumento a percussione, fisarmonica e pipa…. Detto questo e detto della musica, che si pone in linea e come diretta evoluzione dei suoi precedenti dischi in solitudine “Linee di fuga” e “Bucato”, resta di dire di un avvicinamento al linguaggio di Telonious Monk, ancora il grande jazz, avvertibile soprattutto in quelli che sono gli interludi. Ecco che un disco all’apparenza modaiolo (cosa ci può essere oggi di più modaiolo del rifare un pezzo di Björk!?!!) finisce con l’essere quanto di meno trendy possa esistere. “Tessuti” invita alla riflessione, com’è prerogativa delle opere concettuali più riuscite, e allo stesso tempo non nega il piacere dell’ascolto. Una tappa fondamentale nel percorso di un grande musicista.
Quello che segue è un elenco dei dischi in cui erano originariamente inclusi i pezzi di Frith e di Björk:
Anchor Song e One Day su "Debut";
Hyper-ballad su "Post";
Unravel su "Homogenic";
Desired Constellation su "Medúllla";
Ahead In The Sand e Navajo su "Speechless";
Lelekovice su "Quartets";
e The Hand That Bites, firmata da Frith, Zena Parkins e Tom Cora, su "The Country Of Blinds" degli Skeleton Krew (**).

Lo split con Gustafsson è in circolazione già da prima dell’estate e fa parte della serie in vinile voluta da Xabier Iriondo della quale ci siamo già occupati in occasione di “Zu With Xabier Iriondo / Iceburn”, mentre è già in circolazione il terzo capitolo della serie “Ovo / Sinistri With Xabier Iriondo”. Il brano di Angeli è stato registrato in pubblico, dimensione che gli è sicuramente molto congeniale, alla fine di Giugno del 2006 (una trentina di giorni dopo aver registrato “Tessuti”), e mi pare confermare l’idea di un avvicinamento alla musica di Telonious Monk. L’ottima registrazione mette in mostra nel modo migliore le qualità poliedriche del suo strumento, dall’utilizzo dei martelletti a quello delle piccole ventole a motore, dall’uso del pizzicato a quello dell’archetto, e in numerosi altri particolari. Così come mette in mostra la presenza di una logica improvvisativa che mai esce dai binari del (buon) senso né si perde nel caos fine a se stesso. Per quanto riguarda il sassofonista svedese non posso esser certo definito un suo aficionado, tutt'altro, dacché troppe sono le volte che a suo nome mi è stata spacciata la lolla per oro. La mia parola ha quindi doppio valore se sostengo che i suoi tre pezzi sono ottimi e, dopo un inizio di quelle che Arrigo Polillo (pace all’anima sua) avrebbe definito come ‘pernacchie’, evolvono in un fraseggio sempre interessante, che può passare dal sussurrato al ragliato, e giocano su una intrigante gamma timbrica, dal momento che lo strumentista utilizza strumenti non proprio consueti come i sassofoni basso e baritono ed il flautofono. Per quanto riguarda Angeli credo che questo ottimo lavoro potrà contribuire a farlo conoscere presso un pubblico più ampio e diverso da quello che gli è abitualmente affezionato.

(*) L'idea della voce 'fantasma' è chiaramente in tono con l’ambientazione del vecchio castello, e forse un giorno potremo sapere anche a chi appartiene.
(**) Sembra proprio che Tom Cora, da sempre una delle ispirazioni più sentite di Paolo Angeli, non abbia voluto saperne di essere lasciato fuori dalla porta e sia rientrato di soppianto dalla finestra.


click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!

click to enlarge!click to enlarge!
Data Recensione: 28/12/2007
  Torna al Men Principale
 Archivio dell'anno 2007 ...

`Reflect´  

`Women Take Back The Noise´  

`Gyre´  

`Flow´  

`…et les fleures éclosent à l’ombre´  

`Esperanto´  

`Zoo´  

`South Of Me´ // `For Alan Lomax´  

`Living In A Pixel´  

`A Swampadelic Blessing of Downtown SF, The Offial Bootleg´  

`Eco e Narciso´  

`Pioneer´ // `Tayutafu´  

`YC´  

`A Constant Migration [between reality and fiction]´ // `Nostalgia´ // `Fave Quotidiane´  

`New Rap´ // `Yaranaiga Dekinaikotoni Natteyuku´  

`Stots´  

`Wolfarth´ // `Drum Drama´  

`Some Thoughts About Shkrang!´  

`Warp Works & Twentieth Century Masters´  

`Bad Ground´  

`To Play – The Blemish Sessions´  

`Rational Melodies / Bedtime Stories´  

`Dreams Interrupted – The Bewilderbeat Years 1978-1980´ // `Stepping Out Of Line – The Anthology´  

`Lighting Ghost´  

`A Guide For The Perplexed´  

`Idyll EP´  

`Monolith´  

`In Reverie´ // `The Album’  

`Separate Chambers´  

`Talibam!´ // `Hungry Hungry Hemispheres´  

`Do Not Destroy´  

`Riverboat Styx´  

`One Way Ticket´  

`Piume che cadono´  

`Commuting Between The Surface & The Underworld´  

`The Shipwreck Bag Show´ // `Phonometak Series 1´  

`Triadic Memories´  

`Unjust Malaise´  

`Gold Sounds´  

`The Owl’s Map´  

`Nomtom´  

`Spellbound´  

`Ziu Zau´  

`SuperTexture´  

`Zweierlei´  

`The other side of this´  

`Into The House Of Slumber´  

`Same Place Different Weather´ // `Beau Chien ´  

`Bespoken´  

`Two’s Days / Tuesday´  

`The Restless Fall´ // `Don Quiból´  

`MiniDisc. only 3cd´ // `Three Compositions´  

`Fragile Touch Of The Coincidence´  

`La Stanza di Swedenborg´  

`Rien, Merci´  

`Ys´ // `A Wolf In Sheep’s Clothing´ // `Melody Mountain´ // `Ephemeral´  

`Paint lines on your glasses look up at the stars and play them as notes´  

`March(e)ingegno Sonoro´  

`Telegraphy By The Sea´  

`Now´ // `Crap´  

`Un Son Peut En Cacher Un Autre´  

`Rollerball´ // `Sitespecific for Orange Squirrel´  

`A tavola con il principe´ // `Split´  

`L’ocelle mare´  

`Between´ // `Love Me Two Times´ // `The Issue At Hand´  

`Sweet Noise on the Sofa´  

`Storm´ // `Jessamine´  

`In The Context Of´  

`The Indeterminate Existence´ // `Luggage´  

`Night Dancers´  

`Incurable ep´  

`It Is Freezing Out´  

`Horizontal Mover (Homage To Alvin Lucier)´  

`Secluded´  

`Antiguos Dólmenes Del Paleolítico´ // `Tape Works´ // `Kokura´  

`Fauxpas´ // `A Direct Sensuous Pleasure´  

`Don Luiggi ed altri canti a-sociali´ // `At Go Go´ // `fRr(r)´  

`The Boy Who Floated Freely´  

`I Love Machine´  

`8 x 8´  

`SAN´  

`Watch Me Getting Back The End´  

`Live At The Satyricon´  

`Toygopop´  

`Study´  

`Ex Æquo´  

`Michigan And Arcturus´  

`52 songs for 52 weeks part 1/4´ // `Winterland´ // `Norfolk Motel´  

`Sonitus 2006´  

`Plasma Expander´  

`Unfolk´  

`Sacred Ground´ // `Snug as a Gun´ // `We Are Not Obstinate Island´  

`Live! At Super Deluxe´  

`Radiorgasm´  

`Beato colui che sarà visto coi tuoi occhi – Oropa in sogno´  

`Les danseurs de la pluie´ // `5 Rimbaud 1 Verlaine´  

`Classic Erasmus Fusion´  

`First Aid Kit´  

`Universal Prostitution´  

`Coincidenza´  

`In Transmediale´  

`The Outstanding Story of Mr. Mallory´  

`Lemming´  

`Eyes Set Against The Sun´  

`Dog Series 1-12´  

`Sintesi da un diario´  

`Mainstream´  

`Vittorio Cane´  

`Polytone´  

`Nocturnal Emission 1st Flight´ // `Nocturnal E (Mix) Ssion 1st Flight´  

`Edit Sur Passage Avant Fin Ou Montée D’instrument´  

`Poste e telegrafi´  

`MKUltra´  

`Low Dinamic Orchestra´  

`Красота (Krasota)´  

`Bows’ Wind´ // `Bloom Inside Bloom Outside´  

`Get The People´ // `Long Play´  

`Spider Smile´  

`L.S.´  

`The Snow Abides´  

`Qualts art teex deleo´ // `Carne al fuoco´  

`Stars of the Lid and their Refinement of the Decline´  

`Il fiore della bocca´ // `Breath On The Floor´  

`Samsingen´  

`Inside-A-Sekt´  

`Muddy speaking ghosts through my machines´ // `The stones know everything´  

`Stof´ // `Thin Air´ // `Live at the Outpost Performance Space´  

`Schio | Duemilaquattro´  

`Here Comes The Skinny Roller´  

`Ipersensity´  

`Alejandra´  

`Monologue´  

`Musica per la lumaca più triste´  

`Split´  

`Tropism´  

`Mystère du Printemps´  

`Paramount´  

`Night Dawn Day (Music For George Romero)´  

`The Western Lands´  

`Something #1´  

`Earwash´  

`Coastal´  

`Love Is My Motor´  

`Fuzz Orchestra´ // `Non Io´  

`Action from the Basement´  

`Organ Eye´  

`Xaxapoya / Dead Voices in the Temple of Error´  

`Estamos En Todas Partes´  

`Offret - Sacrificio´  

`Goodbye Moonface´  

`Dialects´ // `This Is A Beat!´  

`Her Name´  

`Mantle EP´  

`Space Solo 1´  

`Stonewater´  

`76 Kilos Laughing´  

`Off´  

`Incantations´ // `Cruelly Coy´ // `Diffrazioni Sonore´  

`55:12´  

`After Dinner Black Out´  

`Words On The Floor´  

`Intents & Purposes´  

`Kielholen´ // `Fireproof In 8 Parts´  

`Live At Lab 12 - Part 1 Rev_Enf´ // `Live at Lab 12 - Part 2 Playing Other People - My Bundle Of Files´  

`Ti Tolgo La Vita´ // `The Scum Album´ // `Violent Potato´  

`Harpoon´ // `The Last Tree´ // `The Pirate’s Gospel´ // `Songs Whistled Through White Teeth´  

`Les Ondes Silencieuses´  

`Fat Fish´  

`Doctor´  

`Altered Realities´  

`The Sybian Sorority´  

`L’alba irradia l’inutile parola´  

`Identification With The Enemy: “A Key To The Underworld”´ // `Ku Klux Klowns´  

`To Seek´  

`L’Autre Cap´  

`Spots In The Sun´  

`Soundmatters´  

`Topophonic Models´  

`Девушки поют (Girls Sing)´  

`Tenno´  

`Re Worked Materials :: 1999 2002 ::´  

`Endless Night´  

`Tam-El´  

`The Tempest´  

`Camusi´  

`I luoghi del potere´  

`Short Walk with Olaf´  

`Un'estate senza pioggia´  

`Itinerant Labours´  

`Very Slow Disco Suite´  

`Cabaret per nulla´  

`C’è Ancora Vita Su Marte´  

`Testa Piena d’orche´ // `Attimo in un wormhole´  

`Look at Me´  

`Millenovecentosettantatre´  

`Six Twilights´  

`30.000 Feet Tarantella´  

`Live at the Cosmic Egg, 10.06.2000´  

`Swims EP´  

`Volcano´  

`Vor Feuerschlünden´  

`Stupid Love & Smart Laught´  

`Katodivaihe´  

`We Don’t Just Disappear´  

`Klima´  

`Je Dechire l'ongle aux criminels´  

`Wayward The Fourth´  

`Tromatic Reflexxions´  

`Dentro.´ // `Study On Babe Arcane Ethology´  

`Music Of Richard Lerman´  

`Mamono´  

`Yesterday Night You Were Slepping At My Place´  

`Aerial #1 #2 #3´  

`LAB 12 #2´  

`Still Living In The Desert´  

`Amateur´  

`Triptych Mirror´ // `Lineal´  

`Resistance Cruisers´ // `Rashaya´  

`Exposé´  

`Trees In The Attics (An Homage To Hundertwasser)´  

`Gestuelle du blue Tempo´ // `Journey Through The Shadow Of The Sun´  

`Aquarian Hymns´ // `Kaikki Mitäunohdin Sanoa´  

`Last Days Of The Sun´  

`The Green Morning´  

`Predictable point of impact´ // `#1´  

`Little Waves´  

`Polvere´  

`Electroacuousticquartett´  

`Baby Blue´  

`Part Monster´  

`Brainville 3, 16/06/2007, Paolo Pini, Milano´  

`Improbable Transgressions´  

`Faded on the Blowing of Winter´ // `The Frozen Seasons of Lisergia´  

`L’arte di sciogliere la neve´ // `La vita sociale´  

`Infinite Mind´ // `And I Pulled the Word ‘and’ From My Beard´// `Deadly Space Missions´  

`L’âme sûre ruse mal´  

`Steeljaguar for Rocket´  

`Radìs´ // `22:22´ // `Diario Acustico´  

`Empty Houses Are Lonely´  

`Journey To The Center Of Noise´  

`Eternal Castle´  

`Folk Cycles´ // `Marches Of The New World´  

`Reharsal Fakestry´  

`Metropolitan Meeting´  

`Fun From None – Live From No Fun Fest 2004 & 2005´  

`Three Rooms´  

`Sonorine´  

`Ex-perimento #5´  

`Ovary Lodge´  

`Trunkeret & Ikonisk´  

`The Missing Tapes´  

`Encomiast´  

`Aube Noire´  

`Echoes of The Whales´  

`Geneva in neve´  

`Chasms´  

`Sator´  

`Musicamorosa´  

`Uno´  

`de - tour´  

`August´  

`La peggior mezzora della vostra vita´  

`Rainy Days´  

`Meet the Bolton's´  

`The Beatlerape´  

`Live & Replayed´ // `Semisferi´ // `A Herdsman’s Life´  

`Conditions For A Piece Of Music´  

`Big Dig´  

`Sky Diary Edits´  

`Birds Of A Feather´  

`Drunken Forest´  

`At Your Service´  

`Holler´  

`Urania´  

`Walking into Sleep´  

`Tessuti – Paolo Angeli Plays Frith & Björk´ // `Mats Gustafsson / Paolo Angeli´  

`Plus vite que la musique´  

`The Séance At Hobs Lane´  

`8 Saisons à l’hombre´  

`Mount A´  

`Nei Paesi Novembre È Un Bel Mese Dell’Anno´ // `Era Notte A Sud´  

`Brevi Momenti di Presenza´  

`La chiave del 20´  

`We Are All Pan's People´  

`Sound Sculptures´  

`Strawberry Jam´  

`Arpe eolie / Arpe eolie And Other Useless Things´  

`Growing´  

`Ancient Silence´  

`The Black Wood´ // `Axes´  

`Oh! You are so naive!´